COME HO IMPARATO A NON PREOCCUPARMI

COME HO IMPARATO A NON PREOCCUPARMI

In scena c’è solo un grande foglio di carta dove compaiono immagini e video, fra cui un album di fotografie che Teodoro ha scattato in Russia fra il 2004 e il 2009. Teodoro parte dal racconto dei 5 anni che ha vissuto in Russia, documentandolo con delle immagini che ha scattato a Mosca. Questo racconto viene arricchito dalla lettura di alcuni brani tra cui alcuni sketch di Slava Komissarenko. Slava è uno stand up comedian bielorusso, scappato a Mosca dalla repressione di Lukashenko e poi rifugiatosi a Kiev dopo l’inizio della guerra in Ucraina, qualche ora prima che il KGB venisse a cercarlo nel suo appartamento. Komissarenko fa stand up su questi fatti, e la sua comicità grottesca parla di una tragedia reale. La seconda parte parla di un giovane artista russo, che viene da un paese di provincia poverissimo, dove in inverno fanno meno 40 gradi, dove non c’è lavoro e “non c’è lo stato” (sono parole sue). Questo ragazzo è riuscito a diventare un comico di successo. Nei suoi spettacoli si esprime come un teppista di provincia, denuncia le condizioni dei villaggi come quello in cui è nato, e prende in giro il presidente e il suo entourage. Sa che potrebbe essere colpito molto duramente dalle forze governative che reprimono la libertà di espressione, e rischia la vita ogni volta che sale sul palco. La comicità permette di parlare di cose importanti ad un pubblico molto vasto. A quanto pare i comici sono fra gli artisti più coraggiosi che la Russia abbia visto negli ultimi anni.


Metodi di pagamento accettati:

Carte di credito
TEATROBASILICA

  DISPONIBILE    DISPONIBILITÀ SCARSA    ESAURITO