TIRESIAS BSIDE

TIRESIAS BSIDE

un progetto Bluemotion, dal testo di Kae Tempest | traduzione di Riccardo Duranti | regia e drammaturgia Giorgina Pi | con Gabriele Portoghese e Giulia Weber | ambiente sonoro Collettivo Angelo Mai | luci Andrea Gallo | produzione Angelo Mai/Bluemotion
“Non si impara. Si ricorda” (Kae Tempest)
Il lavoro sulla figura di Tiresia continua. Il nostro spettacolo Tiresias è tratto dal poemetto iniziale del libro Hold your own/Resta te stessa. Vi è poi nel volume una seconda parte. Se nella prima, tutto d’un fiato, viene ripercorsa la vicenda delle tante vite di Tiresia all’interno della sua lunga vita, qui si respira profondo e con la lente che ingigantisce le piccole cose si assaporano, i dettagli, si ingrandiscono gli istanti. Infanzia, vita di donna, vita da uomo e cecità sono i quattro quadri in cui si muovono queste poesie. A tratti sembra di lavorare ancora sui materiali di Tiresias, sulle parti poi escluse per essere accolte altrove. Si scorgono le intelaiature di nuove forme pur appartenenti allo slancio del poemetto iniziale e ci si perde dentro, così come nelle suadenti e dolorose pagine in cui ci si immerge nel dono intimo di un diario. Un lato b del nostro viaggio sul veggente dalle tante vite, sulla donna che non ha mai smesso di essere, sullo sguardo mai perduto, su Tiresia che continua a parlarci. Giorgina Pi


Metodi di pagamento accettati:

Carte di credito
TAVOLA TONDA
  DISPONIBILE    DISPONIBILITÀ SCARSA    ESAURITO